Biografia

Antonio “Toni” Garbasso

Nato nel 1958 a Città del Messico da genitori italiani.
Fotografo di architettura e di territorio dal 1979, si è formato con gli insegnamenti di Paolo Monti (Palazzo Fortuny, Venezia – 1981) Gabriele Basilico (Milano, 1986) e Francesco Radino (Studio Marangoni, Firenze – 1994).
Lavora dal 1979 al 1982 con il prof. Riccardo Mariani del corso di Urbanistica dell’Università di Firenze alla documentazione del paese di Sorano e per la mostra “Latina storia di una città”.
Dal 1982 collabora con la rivista Abitare, dove pubblica diversi suoi reportage di architettura e territorio, dalle Periferie Romane al museo Anacahualli di D. Rivera a Città del Messico.
Dal 1984 fino al 2004 lavora con lo studio Giancarlo de Carlo, quindi per Spazio e Società, e dal 1993 al 2002 per l’ILAUD (International Laboratory of Architecture and Urban Design).
Lavora per diversi studi di architettura italiani ed esteri.
Le sue foto sono pubblicate sulle più conosciute riviste di architettura internazionali.
Dopo un reportage sull’ex-pastificio Cerere pubblicato su Abitare nel 1990, si dedica anche alla fotografia d’arte, lavorando nel 1990 per il “Rome Studio” della Gladstone Gallery, e per vari artisti.
Nel 1998 entra a far parte del gruppo internazionale di pionieri della “fotografia immersiva”, e nel 1999 in ambito ILAUD, realizza il primo tour virtuale sui “Dintorni dell’Arsenale” a Venezia.
Nel 2000 il primo tour virtuale alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna, seguito da successivi tour nel 2009, 2013, 2017.
Dal 2000 apre il sito Studioargento.com che si propone prima come laboratorio di sperimentazione del medium e poi come archivio di mostre d’arte, gallerie, musei.
Nel 2003 Studioargento.com è inserito nella “Cubic Gallery” della Apple per un lavoro sperimentale su M.C. Escher fatto in QuickTimeVr.
Nel 2005 pubblica su Repubblica.it uno dei primi reportage al mondo con fotografie immersive, da Piazza San Pietro, per la morte di papa Wojtyla.
Sempre applicando l’attualità nella fotografia immersiva pubblica su Spiegel.de e su Thetimes.co.uk il naufragio della Costa Concordia, 2012.
Come documentazione del territorio realizza tour virtuali all’Arsenale di Venezia (2004-2007), del Comune di Marsala (2006), di Biosphere 2 in Arizona (2009) e, per il Consorzio di Bonifica, del territorio del Basso Piave (2010).
Nel 2009 è artist-in-residence alla Petrified Forest (Arizona) e realizza il tour “Where the sky embraces the earth”.
Nel 2006 lavora con Fabio Mauri alle mostre “Cielo Vicino” e “Murato Vivo”.
Documenta diverse mostre alla Galleria Limen 895, e altre esposizioni di vari artisti, da Emilio Isgrò ad Alfredo Pirri, Thomas Ruff, Valerio Adami, ecc.
Lavora per la Gagosian Gallery a Roma e Parigi (2011-2012).
Dal 2009 lavora con la prof. Annie-Paule Quinsac, facendo tour virtuali di varie mostre fra cui La Scapigliatura (2009) e Segantini (2014) a Palazzo Reale, Milano.
Lavora con il mimo Ro Rocchi (2010-2014).
Nel 2011 è chiamato dall’associazione internazionale dei fotografi panoramisti (IVRPA) a partecipare ai “Masters of Panoramic Photography” a Palmela, Portogallo.
Nel 2015 chiude l’attività professionale fotografica, ma continua la ricerca artistica con letture del territorio, esposizioni e tour virtuali d’arte.

Ha esposto:

  • 2019 Convento del Carmine, Marsala: “Marsala | Vedute” – personale.
  • 2018 Centro Mostre Comunale, San Dona’ di Piave, ” Materia di mare” – personale.
  • 2017 Piccola sinagoga di Sorano, Sorano “C’era una volta un paese…Sorano” – personale.
  • 2017 Semplicemente Fotografare Live, Novafeltria: “Natura sferica”.
  • 2017 Mostre diffuse, Magliano Sabina, “Milano La Nuova”.
  • 2017 Casa della Memoria, Roma “Shoah nello sguardo del contemporaneo”.
  • 2016/2017 L’elogio dell’ombra, Novafeltria – Calcata – Modena, collettiva itinerante.
  • 2016 Aula Consiliare, Eraclea (VE), “Lettura del territorio del Basso Piave”, personale.
  • 2015 Le tante facce del colore, Magliano Sabina, “Natura sferica”, collettiva.
  • 2015 Casa della Memoria, Roma – mostra “La carta come Memoria”, collettiva.
  • 2014 CasaCocò, Manziana, “Toni di Neri”, collettiva.
  • 2011 Masters of Panoramic Photography, Palmela, (Portogallo), collettiva.
  • 2009 Forte Stella (Monte Argentario), “Materia di mare”, personale.
  • 1996 ILAUD, San Marino, “Le stanze del rio Fiumicelli”, personale.
  • 1994 Ippodromo Capannelle, Roma, “Cavalli Romani”, collettiva.
  • 1986 Scene e Scenari, Ferro di Cavallo, Roma, collettiva.
  • 1982 Caviale, Sala Uno, Roma, collettiva.

pubblicazioni